Wood top table on blur supermarket background.jpg

Filiera OrtoFrutta DOS Sicilia 

Logo Pomodoro di Pachino .jpg

Consorzio di Tutela del Pomodoro di Pachino iGP

Il Consorzio di Tutela del Pomodoro di Pachino IGP è un Ente senza scopo di lucro riconosciuto dal Minstero delle Politiche Agricole avente la missione di tutelare sui mercati la reputazione
dell’autentico pomodoro di Pachino e difenderlo dagli innumerevoli tentativi di contraffazione commerciale, per mezzo di adeguate azioni legali, su scala nazionale ed oltre.

Opera all’interno della filiera per garantire una produzione qualitativamente sempre più alta del nostro prodotto, partendo dal controllo sui nostri associati e facendo applicare il Disciplinare di Produzione.

Inoltre opera per la valorizzazione e la promozione del nostro prodotto in funzione del territorio in cui nasce, per divulgare lo stretto legame che esiste tra le qualità organoletticamente.

Tuteliamo il prodotto, chi lo produce e chi lo consuma.

Divulghiamo le sue caratteristiche colturali, alimentari ed organolettiche; ne promuoviamo il
rapporto stretto che lo lega al territorio di produzione.

Garantiamo che il prodotto recante il marchio di qualità abbia una provenienza geografica certa.

Ne curiamo la tracciabilità, e operiamo affinchè i nostri soci adottino criteri precisi di qualità in fase
di produzione. Facciamo opera di sorveglianza sui mercati per limitare e contrastare gli usi non legittimi del nome “pomodoro di Pachino” o del marchio di qualità, che causano confusione e danni commerciali al prodotto tutelato.

Consorzio di Tutela del Pomodoro di Pachino IGP 

Via Milano, snc - Pachino (SR)
Tel: +39 0931 595106

igp png.png
Fresche verdure biologiche

Scheda tecnica di prodotto 

DESCRIZIONE
Il Pomodoro di Pachino IGP è un ortaggio della specie Lycopersicum escluletum Miller, che si distingue in quattro tipologie: Tondo Liscio (a grappolo o a frutto singolo), Costoluto, Plum e Miniplum, Cherry (o Ciliegino).

ZONA DI PRODUZIONE
La zona di produzione del Pomodoro di Pachino IGP ricade nei comuni di Pachino, Portopalo di Capo Passero, Noto e Ispica, nelle province di Siracusa e Ragusa, nella regione Sicilia.
 
METODO DI PRODUZIONE
La coltivazione del pomodoro avviene in ambiente protetto, in serre e/o tunnel coperti. Durante il periodo estivo è possibile utilizzare anche reti anti-insetto. Il trapianto viene eseguito nel periodo agosto-febbraio, con l’eccezione della tipologia Cherry e Plum e Miniplum per le quali può essere effettuato tutto l’anno. La forma di allevamento è in verticale; si eseguono la potatura verde e, secondo necessità, anche la cimatura. L’irrigazione viene effettuata utilizzando acque di falda provenienti da pozzi situati nel territorio di produzione. La raccolta è manuale, di solito ogni 3-4 giorni.

ASPETTO E SAPORE
Il Pomodoro di Pachino IGP Tondo Liscio a grappolo è costituito da bacche rotonde di colore rosso acceso mentre in quello a frutto singolo le bacche sono di colore verde tendente al verde scuro; il gusto è molto marcato. La tipologia Costoluto ha frutti di grandi dimensioni, di colore verde scuro intenso e brillante, che vira al rosso nel corso della maturazione. La polpa è soda ed è caratterizzata da un elevato contenuto zuccherino. La tipologia Plum e Miniplum, si distinge per la forma più o meno allungata, per il gusto e il sapore particolarmenti dolci. La tipologia Ciliegino si caratterizza per il suo aspetto a ciliegia su un grappolo a spina di pesce, con frutti tondi, piccoli dal colore molto acceso.

GASTRONOMIA
Una delle peculiarità del Pomodoro di Pachino IGP è il suo periodo di conservazione che supera quello delle altre varietà di pomodori. Per assaporare al meglio il suo caratteristico sapore dolciastro è ideale consumarlo crudo. Può essere comunque utilizzato anche in cottura per condire, esaltare e decorare i piatti della cucina mediterranea. Fresco è ottimo ingrediente nelle insalate miste, nelle paste fredde e per insaporire minestroni e primi piatti. È perfetto sulla pizza. Antiche tradizioni siciliane prevedono l’essiccazione del pomodoro e la sua conservazione in olio extravergine di oliva. In questo modo viene utilizzato negli antipasti e sulle tartine, nei patè, in abbinamento a carni lesse e per la preparazione di panini e tramezzini.

NOTA DISTINTIVA
Le condizioni pedoclimatiche della zona di produzione, caratterizzata da temperature elevate, estesa radiazione globale, tessitura dei terreni e qualità dell’acqua di irrigazione, conferiscono al Pomodoro di Pachino IGP le sue caratteristiche organolettiche distintive, fra cui il sapore dolce, la consistenza e croccantezza della polpa, la lucentezza del frutto, nonché la serbevolezza.
 

Scheda prodotto completa disponibile sul sito ufficiale di Fondazione Qualivita