Wood top table on blur supermarket background.jpg

Filiera OrtoFrutta DOS Sicilia 

Logo Pistacchio di Bronte .jpg

Consorzio di Tutela del Pistacchio Verde di Bronte IGP 

Il Consorzio di tutela del Pistacchio verde di Bronte DOP, il cui atto costitutivo è stato stipulato il giorno 3 Novembre 2004, nasce con lo scopo di difendere, salvaguardare e promuovere il prodotto principe del territorio, unico nel suo genere: il “Pistacchio Verde di Bronte DOP”.

L’«oro verde», così è anche denominato, rappresenta la principale risorsa economica del vasto e variegato territorio di Bronte, con una produzione dalle caratteristiche peculiari: un frutto dal colore “verde smeraldo” con un gusto e un aroma universalmente riconosciuti come unici e particolari.

Tali caratteristiche, sono dovute proprio al luogo di produzione, infatti in un terreno “sciaroso” e impervio come quello del territorio di Bronte si realizza uno straordinario connubio tra la pianta ed il terreno lavico favorendo la produzione di un frutto ricercato ed usato in pasticceria e gastronomia per le sue elevate proprietà organolettiche.

Consorzio di Tutela del Pistacchio Verde di Bronte DOP 

Piazza Nunzio Azzia,14 - Bronte (CT)
Tel: +39 0958838248

Logo DOP.png
Fresche verdure biologiche

Scheda tecnica di prodotto 

DESCRIZIONE
Il Pistacchio Verde di Bronte DOP designa il frutto allo stato secco in guscio, sgusciato o pelato di piante della specie Pistacia vera, cultivar Napoletana (chiamata anche Bianca o Nostrale).

ZONA DI PRODUZIONE
La zona di produzione del Pistacchio Verde di Bronte DOP interessa i territori comunali di Bronte, Adrano e Biancavilla in provincia di Catania, nella regione Sicilia.
 
METODO DI PRODUZIONE
Il prodotto è coltivato principalmente su terreni lavici. Su tale substrato prospera il terebinto, nome comune della pianta Pistacia terebinthus che costituisce il più importante porta-innesto per la propagazione del Pistacchio Verde di Bronte DOP. I pistacchieti possono essere specializzati o consociati ad altre tipologie di piante; le forme di allevamento ammesse sono la “ceppaia”, il “vaso libero” oppure il “monocaule”. La raccolta è realizzata a mano, ogni due anni, generalmente nel periodo compreso tra il 20 agosto e il 10 ottobre. Entro 24 ore dalla raccolta, si effettua la “smallatura”, deve cioè essere eliminato l’involucro coriaceo che ricopre il frutto. Successivamente, i frutti in guscio vengono essiccati al sole o in ambienti dove la temperatura è mantenuta intorno ai 40-50°C, fino ad ottenere semi con umidità residua compresa tra il 4 e il 6%. Parte del prodotto viene inoltre sgusciato e pelato, rimuovendo la pellicola viola-rossastro mediante immersione in acqua bollente, a cui segue l’asciugatura. L’eventuale sgusciatura o pelatura dei pistacchi può essere effettuata meccanicamente. La fase di stoccaggio può durare fino a 24 mesi dopo la raccolta e deve avvenire riponendo i frutti essiccati in sacchi di juta, carta o polietilene.

ASPETTO E SAPORE
Il Pistacchio Verde di Bronte DOP ha forma allungata e poco compressa, delle dimensioni di un’oliva. All’interno del guscio il seme, di colore verde smeraldo, è ricoperto da una pellicola rosso rubino. Il sapore è fortemente aromatico.
.
GASTRONOMIA
Il Pistacchio Verde di Bronte DOP si conserva in luogo fresco e asciutto. Può essere consumato senza bisogno di ulteriori cotture o lavorazioni, come spuntino o aperitivo, ma grazie al suo peculiare aroma e alla sua qualità è da sempre elemento principe della pasticceria siciliana e della cucina in generale. È utilizzato tradizionalmente dai pasticceri della città di Bronte come ingrediente per gelati, paste, creme e liquori, o la gustosa “torta al pistacchio” con pan di spagna farcito al cioccolato. È anche protagonista di primi e secondi piatti.

NOTA DISTINTIVA
Il Pistacchio Verde di Bronte DOP non viene sottoposto né a tostatura né a salatura. Oltre che al colore verde uniforme e alla spiccata aromaticità, deve la sua peculiarità alle numerose proprietà nutrizionali. Il frutto infatti contiene vitamina A ed è ricco in ferro, fosforo e grassi monoinsaturi, in particolare acido palmitico minimo 10%, acido linoleico minimo 15% ed elementi che favoriscono il potenziamento delle difese e il benessere dell’organismo.

Scheda prodotto completa disponibile sul sito ufficiale di Fondazione Qualivita